Arrampicata in Toscana
Montagna facile in Toscana e dintorni o torna alla lista o torna alla home


Spigolo di Canne d'Organo - Monte Argentario
D-, 5B (obb. 4C), III, C3/R2, E

Arrampicare tra mare e profumi della macchia mediterranea; questo promette la salita dello stupendo spigolo di Canne d'Organo, da fare nella mezza stagione (davvero troppo caldo d'estate). Sono presenti alcune protezioni (qualche chiodo di via e numerosi, pur troppo evidenti, cordini!).
Si raggiunge Orbetello (GR) e una volta all'Argentario si prosegue verso sin. per Porto Ercole, attraversando il paese e, in prossimità dell'hotel Don Pedro, continuando per la strada panoramica. Dopo qualche km si raggiunge una piazzola sulla sinistra, dove parcheggiare; a monte vedete già la parete, mentre verso mare avete una visuale sull'Isolotto. Continuando a piedi circa 80 passi lungo la strada, si nota un buco nella boscaglia; da li comincia il sentiero che sale, anche con l'aiuto di corde fisse, ripido verso la base della parete. Alla base c'è una grotta (falesia, attrezzata); si consiglia di rimanere circa 10 metri più bassi, spostandosi verso sinistra della parete fino all'inizio del filo di cresta..
Discesa seguendo il traccia di sentiero (ometti) che continua dalla cima verso sinistra, supera un primo canalino e si immette nel canalone a sinistra (destra orografica) dello spigolo: si seguono tracce di sentiero in forte pendenza nel bosco, dove il canalone si restringe una corda fissa permette di superare un salto. Cordini, un friend medio, 8 rinvii, 200m.

L1- fessura verticale di circa 10 metri, si protegge a un masso incastrato a poch metri poi sprotetto ma molto ammanigliato fino in cima (IV-); poi roccette facili di III, sosta ad un albero. 30m.
L2- la via sembra continuare un paio di metri a destra per salti di roccia discontinua; io preferisco proseguire dritto per una divertente e ammanigliata fessura (friend medio); dopo qualche metro ci si sposta su un diedrino a sinistra di IV+ (spuntone a destra) e si continua per passaggi più facili fino a una protezione che della via originale che proviene da destra, quindi dritti fino alla sosta su catena. 45m.
L3- rocce facili di cresta III, un passo più impegnativo con strapiombino più facile sulla sinistra (IV+), qualche cordino di via, sosta con cordino e catena (non fermarsi alla prima sosta di cordini), 30m.
L4- roccette facili, camminata in cresta, cordini di via e una bella clessidra sulla paretina a sinistra, sosta su albero con cordone, III-, 40m.
L5- rocce facili di cresta II, sosta con cordino all'uscita, 20m.

Attenzione! molti sassi rotti, non tentate il disgaggio, ricordatevi che siete sulle teste degli arrampicatori della falesia di canne d'organo.

Al ritorno, lungo sulla strada, un km prima di entrare in porto ercole, fermatevi al bar affacciato sul mare, e chiedete un mojito con menta fresca. Poi magari aspettate un po' per smaltirlo, prima di tornare a casa.


Lo spigolo dalla
terza sosta

Sviluppo dello spigolo