Arrampicata in Toscana
Montagna facile in Toscana e dintorni o torna alla lista o torna alla home


Via Erik - Monte Corchia (Bertolucci in solitaria, 1992)
D, 5C (obb. 5b), III, S2/S3, W

Non mi stancherò mai di ripeterla. Bella arrampicata, bei paesaggi, chiodatura sicura a spit, per molti è stata la prima via al corso di roccia. Passaggi comunque non banali, alcuni strapiombi, placche, camino, paleo, mare alle spalle, qualche roccia rotta: gli ingredienti delle Apuane ci sono tutti.
Accesso: dall'Autostrada Genova-Livorno uscita Versilia per Seravezza, quindi Stazzema e Levigliani (indicazioni per Grotte del Corchia). Da Levigliani seguire le indicazioni per l'Antro del Corchia, salire la breve stradina che conduce alle grotte e svoltare a sinistra. Proseguire per alcuni kilometri salendo di quota fino a svalicare di fronte alle torri del Corchia. Proseguire per la strada sterrata sulla sinistra, la quale diverrà asfaltata e quindi di nuovo sterrata: a questo punto fermarsi alla prima piazzola, e seguire il sentiero sulla destra. La via è perfettamente attrezzata, protetta a spit e con catene a tutte le soste. I tiri sotto descritti sono abbastanza corti, e alcune soste possono essere tranquillamente saltate.
Uscita: una traccia di sentiero conduce verso nord, scendendo il versante fino a incrociare la strada marmifera che gira intorno al Corchia. Attenzione se la via è affollata, evitare di ridiscendere in doppia. Necessari 7 rinvii. 180 m. Esposizione SO, fattibile anche d'estate di mattina, da evitare invece d'inverno quando in alto si accumula neve.

L1 - placca molto appoggiata, uscita delicata un po' sulla sinistra, 4c
L2 - partenza delicata, quindi placchette alternate a terrazzini, 4c
L3 - placchette facili alternate a terrazzini 3c
L4 - placchette; dopo il primo spit la via prosegue leggermente spostata sulla destra, non farsi tentare dallo spit recente subito davanti ma seguire gli spit scuri verso destra. Uscita con muretto verticale, sosta scomoda. 4c
L5- strapiombino tecnico impegnativo, breve fessura-diedro ancora impegnativa (5c?) e quindi più facile traverso ben ammanigliato verso destra 5b
L6 - strapiombino tecnico, quindi placca delicata precaria 5b (a sinistra più facile)
L7 - uscire sulla sinistra del tetto, attraversare la cengia con paleo verso sinistra e riprendere l'arrampicata su muro verticale ma ben ammanigliato 5b
L8 - partenza con tettino piĆ¹ divertente camino, passo di 5b, poi facile
L9 - placche appoggiate, uscita su paleo fino a catena nel canalino
L10 - pochi metri su paleo, da fare comunque in cordata per sicurezza



La Erik vista dal basso

Valerio sul secondo tiro