Arrampicata in Toscana
Montagna facile in Toscana e dintorni o torna alla lista o torna alla home


Promenade, Pania Secca (B. Barsuglia, G. Cerboni, A. Romboli, 2004)
D-, 5B (obb. 5B), II (III se uscita in cresta), S1/S2, SW

Effettivamente per molti arrampicatori sarà una vera promenade, le difficoltà sono medio basse, la chiodatura ottima a fix e comunque integrabile ovunque con friends, grazie a una quantità incredibile di stupende fessure. Anche l'ottavo tiro non l'ho trovato certo rotto come le vie superrotte del Corchia, nonostante le mille raccomandazioni delle guide (attenzione e casco, è chiaro, ci vogliono sempre): basta assicurarsi di non avere cordate sopra la testa (questo magari si, in caso contrario sareste sotto tiro). L'ambiente è quello della Pania Secca, proprio di fronte alla Pania della Croce e al Pizzo delle Saette, oltre che abbracciare quasi tutte le Apuane, unico e stupendo. Insomma tuttta da godere. 6 rinvii e friends medi e piccoli, solo una sosta con due spit e da attrezzare, le altre già attrezzate con cordini e maglia rapida.. Esposizione Ovest.

Si arriva da Gallicano, su verso l'Alpe di Sant'Antonio, ma al cartello per l'Alpe si gira invece a sinistra, indicazioni per il Rifugio Rossi. Si parcheggia alla fine della strada asfaltata, località Piglionico, e prima della cappella ai caduti si prende a piedi la sterrata che sale, si passa un primo edificio e al secondo si devia trasversalmente verso la montagna, seguendo una traccia con ometti. La traccia porta sul bordo destro del piede del secondo dente della Pania Secca, ci si sposta alcune decine di metri verso sinistra per arrivare alla parte più avanzata del piede. La via parte un po' sulla destra, in un diedrino.
Uscita: ci sono due possibilità, la prima è fare qualche passo (da proteggere) facile dopo l'ultima sosta, fino sul crinale, e poi seguirlo verso la Pania Secca e poi a ricongiungersi con il sentiero che scende dal Rossi. Non l'ho provata e non so come è. L'altra è scendere in doppia: la prima è una bella doppia nel vuoto, dopo seguono altre 4 doppie piuttosto noiose, quindi probabilmente consiglio l'uscita. Qualcuno dopo la prima doppia scende nel canale di sinistra.

L1 - Qualche passo più complicato in partenza (5a), poi si esce sul facilissimo.
L2 - lungo tiro facile (3b) con qualche passetto più interessante (4b max).
L3 - Bellissima placca appoggiata d'aderenza a karren, con fessure lame e ogni goduria possibile. 4b.
L4 - primo tiro chiave, inizialmente facile poi placca d'aderenza più complicata (5b).
L5 - tiro di placca, con fessurine, 4c.
L6 - altro tiro di placca (4c), poi sul facile
L7 - secondo tiro chiave, la via diventa verticale e scala un torrione, inizialmente con passo un po' strapiombante (5b), quindi 5a bene ammanigliato, sempre ben chiodato.
L8 - alcuni passi di 4c su roccia non sana, fino alla testa del torrione.



Divertente 3° tiro

Il 7° tiro

La Pania della Croce dalla via